Autovictor protagonista nel bresciano
Autovictor, a seguito della recente acquisizione di Vezzoli Autogrù, è sempre più presente nei servizi di sollevamento e di trasporto speciale del bresciano.
A Chiari per conto di Acque Bresciane è stato realizzato il sollevamento di tazza e fusto della torre piezometrica dell’acquedotto comunale di Chiari.

Per eseguire questo lavoro, realizzato con grande soddisfazione del cliente, Autovictor ha messo in campo un team di sette professionisti e le autogrù TEREX DEMAG TC 2800 -1 con 600 tonnellate di portata e LIEBHERR LTM 1200 con 200 tonnellate di portata.
Particolarmente delicato è stato l’imbraco e il sollevamento della tazza, pesante 200 tonnellate e portata ad una altezza di 40 metri. L’operazione è stata resa più complessa anche dagli spazi limitati in cui si è operato poiché la torre è collocata all’interno del centro abitato.

Autovictor è stata protagonista di un altro importante lavoro di sollevamento e in questo caso anche di trasporto, è stata infatti trasferita dallo stabilimento di costruzione di Venezia al luogo del varo vicino a Iseo, l’imbarcazione “Predore” dal peso di 110 tonnellate, con lunghezza di 35 metri, larghezza di 7 metri e altezza di 9 metri. Per eseguire questo lavoro Autovictor, oltre a realizzare il piano ingegneristico di sollevamento e di trasporto, ha messo in campo le autogrù TEREX DEMAG TC 2800 -1 con 600 tonnellate di portata, LIEBHERR LTM 1200 con 200 tonnellate di portata e LIEBHERR LTM 1060 con 60 tonnellate di portata.

Autovictor, con oltre 250 mezzi a disposizione e un’altissima competenza tecnica, è una grande realtà italiana, sempre al fianco dei suoi clienti.

Leggi l’articolo pubblicato su "Il Giornale di Brescia" del 28/06/2018:

Giornale di Brescia
Passione, Professionalità, Competenza
Ogni lavoro ha una sua storia, una sua difficoltà. L’aspetto più soddisfacente è sempre quello di sapere che anche questa volta hai superato la sfida e che puoi aggiungere un altro mattone nel muro dell’esperienza”.

Con queste parole di Alessandro Gino, titolare a soli 29 anni di Autovictor, inizia l’articolo pubblicato da SOLLEVARE dedicato al Gruppo Autovictor.
Sono parole da cui traspare tutta la passione e la professionalità che permeano da sempre questa azienda e la famiglia che l’ha fondata e la guida da tre generazioni, la famiglia Gino. Prima Vittorino Gino che l’ha fondata nel 1969 poi Angelo Gino, padre di Alessandro, Amministratore dell’azienda e Vice Presidente dell’associazione Anna, che ha impresso con le sue scelte strategiche una progressiva specializzazione nel sollevamento, e ora Alessandro.

La società dispone oggi di 250 mezzi con le tecnologie di sollevamento più avanzate, come ad esempio la tralicciata Terex TC 2800-1 da 600t. Ma oltre alle tecnologie Autovictor ha investito anche nella presenza sul territorio, è infatti di pochi mesi fa l’acquisizione della società Vezzoli, azienda di riferimento per il bresciano nel sollevamento e diventata adesso importante filiale del Gruppo.

Un’altra area di importanza strategica per Autovictor è la formazione, sia verso i propri dipendenti, sia verso i clienti e per fare questo dispone del Centro di Formazione Autovictor, certificato dalla Regione Piemonte, dove è possibile conseguire attestati di idoneità per l’utilizzo dei seguenti mezzi: autogrù, piattaforme aeree e sollevatori telescopici. Autovictor come impresa leader, svolge un ruolo rilevante anche nell’associazione di categoria ANNA, il suo impegno è di rendere il settore del sollevamento italiano sempre più rilevante anche sulla scena internazionale.

“Per questo siamo molto attivi in ANNA” aggiunge Alessandro “e teniamo molto al progetto ECOL (European Crane Operator License) che può̀ cambiare la prospettiva del nostro lavoro e allineare il sollevamento italiano agli standard europei di riferimento.”

“La nostra visione di impresa”, conclude Alessandro Gino, “è quella di una grande famiglia. La passione che è stata tramandata di padre in figlio è più̀ forte di qualsiasi ritmo imposto. Certo il modo di lavorare è cambiato ed è diventato fondamentale stare al passo con i tempi facendo qualche sforzo in più̀, ma con la buona volontà̀ e il sacrificio si può̀ sempre migliorare. Vogliamo investire, per crescere e per offrire un servizio sempre più̀ completo.

Leggi l’articolo pubblicato su "Sollevare" di Giugno-Luglio 2018

Sollevare
Eolico senza confini per Autovictor
Da 50 anni Autovictor è sinonimo di sollevamento, di tenacia e di precisione in ogni progetto: dal noleggio quotidiano di mezzi e attrezzature, fino allo studio e alla progettazione ingegneristica dei sollevamenti più complessi.
Grazie a un parco di 270 mezzi tra autogrù, articolati, piattaforme aeree e sollevatori telescopici e a oltre 80 addetti tra tecnici e operatori, Autovictor è in grado di operare in tutta Italia e non solo. L’azienda infatti ha recentemente progettato e operato sollevamenti particolarmente complessi ben al di fuori dei confini nazionali con cantieri a Dubrovnik, in Croazia, e a Tomislavgrad, in Bosnia Erzegovina. In quest’ultimo intervento Autovictor ha seguito il montaggio di nove turbine di altrettante WTG Siemens, mentre in Croazia ha effettuato il montaggio di cinque turbine per le WTG di General Electric. Due progetti importanti portati a termine mantenendo il target temporale prefissato e nel pieno rispetto di tutte le norme di sicurezza.
“La scelta di operare all’estero”, ha dichiarato Alessandro Gino, “è stata in primo luogo una decisione imposta dalla forte richiesta per il nostro settore in certi paesi, in secondo luogo una nostra sfida personale perché ciò impone, sia operativamente che logisticamente, un ritmo ed un modus operandi completamente diverso, che esula dal nostro quotidiano. Considerando l’ottima riuscita delle esperienze nei primi cantieri, ed aspetto ancora più importante considerando la soddisfazione del cliente, abbiamo deciso di dedicarci ancora a questi tipi di progetti con la differenza che stiamo diventando sempre più organizzati in tal senso. Il buon esito di questa scelta lo si può riscontare anche in questi due ultimi cantieri.

Leggi l’articolo completo pubblicato su:

Sollevare
Autovictor partecipa a Breakbulk Europe 2019
Autovictor conferma la sua partecipazione alla fiera internazionale ’Breakbulk Europe’ edizione 2019, l’evento espositivo che riunisce i più importanti player del settore dei project cargo e breakbulk e che si tiene a Brema dal 21 al 23 Maggio.
Vi aspettiamo allo stand D78.
Autovictor presente a Genova per i lavori del Ponte Morandi
Ecco alcuni link alla notizia dei lavori del Ponte Morandi, pubblicata da diverse testate:

TG Com Il Messaggero Il Corriere della Sera Genova 24 Corriere di Siena La Repubblica Il Post GenovaToday.it

TG Com MacchineCantieri onSite
Genova ringrazia Autovictor
Nella notte tra il 2 e il 3 febbraio, gli uomini e le macchine di Autovictor hanno effettuato il sollevamento del concio centrale del viadotto nord del Ponte Morandi: una trave metallica da 307 t di peso per una lunghezza di 75 m. Per la movimentazione del concio Autovictor ha utilizzato due carrelli modulari SPMT Scheuerle a 6 assi e due power unit che hanno trasferito la trave dal punto di costruzione alla posizione di presa delle autogrù: una Liebherr LTM 1750-9.1 e una Terex-Demag TC 2800-1.

Il cantiere di sollevamento ha coinvolto ben 15 persone fra operatori delle autogrù, autisti, meccanici di supporto e tecnici. Notevole anche l’attività di progettazione del sollevamento che è stata messa a punto dall’ufficio tecnico di Autovictor e condivisa con il cliente finale.

L’intervento è durato dalle 07.00 del 2 febbraio fino alle 09.00 del 3 febbraio, mentre il sollevamento vero e proprio è stato eseguito dalle 23.00 del 2 (orario imposto dallo stop della rete ferroviaria) fino alle 06.00 del giorno seguente. Una durata particolarmente lunga, dovuta soprattutto alla necessità di aggiungere zavorre sulla tavola del super lift della TC 2800-1 in relazione al continuo incremento del suo raggio di azione.

In ogni caso, questa non è stata l’unica problematica affrontata e risolta da Autovictor. “Quando si affrontano cantieri di questo tipo”, afferma Alessandro Gino, Direttore Operativo di Autovictor, “le difficoltà sono molteplici. Prima di tutto c’è stato l’impegno di tutto lo staff per ottenere la chiusura totale di Via Siffredi (SS Aurelia) per 31 ore a partire dalle ore 10.00 del 2 febbraio. È seguita la necessità di concordare e far combaciare la chiusura della rete viaria con quella della rete ferroviaria. Superati questi due aspetti tecnico amministrativi, ci siamo dovuti scontrare con la realtà di cantiere e l’esigenza di allestire una macchina importante come la TC 2800-1 in sole 9 ore partendo da zero. Decisamente delicato anche il coordinamento via radio tra gli operatori e i due tecnici a terra per sollevare e portare in posizione finale la trave”.

Leggi l’articolo pubblicato su:

Sollevare

Autovictor: competenza a noleggio da 50 anni
Da sempre guidata dalla famiglia Gino, Autovictor vanta un parco mezzi all’avanguardia di 270 unità. I servizi a disposizione del mercato comprendono il noleggio con operatore, i trasporti eccezionali, il noleggio a freddo e un’intensa attività di formazione.

La competenza non si compra, ma di certo si può noleggiare. Basta affidarsi a un attore di primaria importanza del settore qual è Autovictor, da 50 anni (la società è stata fondata da Vittorino Gino nel 1969) attiva sul mercato italiano e internazionale attraverso un parco macchine in continua evoluzione, cui fa il paio un consistente investimento nelle risorse umane, il vero capitale di una realtà attenta a ogni dettaglio.

Passione, professionalità e competenza sono le parole chiave che da sempre guidano i passi di Autovictor.

Il parco macchine comprende autogrù all terrain, fuoristrada e semoventi che arrivano alle 750 t di portata e vanta inoltre una tralicciata Terex TC 2800-1 da 600 t. Per il noleggio a freddo a varie tipologie di piattaforme e sollevatori telescopici. Decisamente importante anche l’attività legata ai trasporti standard ed eccezionali, per i quali la società si occupa di tutte le procedure burocratiche relative alle autorizzazioni e alle scorte tecniche.

La società è particolarmente attenta a tutte le procedure ed è certificata per la Qualità (UNI EN ISO 9001:2015) per la Sicurezza (BS OHSAS 18001:2007, aggiornata al 02 marzo 2015) e per l’Ambiente (UNI EN ISO 14001:2015).

Autovictor è fortemente impegnata sul fronte della formazione, affrontata secondo due fondamentali cardini: uno che potremmo definire “istituzionale”, il secondo di carattere “valoriale”, tipico di un sentire aziendale che va ben al di là della semplice imprenditorialità.

Leggi gli articoli completi su:

Sollevare Macchine Edili On Site Macchine e cantieri Quarry
Progetto di movimentazione e sollevamento per il ripristino del ponte di Annone Brianza
Un altro pezzo di Italia risorge grazie agli uomini e alle macchine di Autovictor. La società piemontese ha progettato e portato a termine la movimentazione ed il sollevamento per il ripristino del ponte di Annone Brianza, lungo la SP49 sormontante la Milano-Lecco SS 36. Il nuovo cavalcavia sarà significativamente intitolato a Claudio Bertini, vittima del crollo avvenuto tre anni fa. La nuova infrastruttura, che ha visto il determinante contributo di Autovictor, è costituita da un’unica campata in acciaio con soletta in calcestruzzo armato, che assicura una luce libera maggiore rispetto al ponte precedente. La struttura sarà dotata di bilance, sensori e telecamere per monitorarlo e verificare il rispetto dei limiti di carico.

Anas ha affidato ad Autovictor le operazioni di trasporto dal punto di costruzione al punto di varo e il relativo sollevamento della nuova travata metallica a sostituzione del ponte crollato. Il nuovo impalcato, che ha un peso di circa 250 t, è stato movimentato utilizzando due carrelli SPMT Scheurle a 4 assi e due carrelli SPMT Scheurle a 6 assi con relative Power Pack Unit. Oltre ai carrelli SPMT, Autovictor ha utilizzato tre autogrù: una Demag AC 300, una Terex Demag AC 500-2 e una Liebherr LTM 1750-9.1. Mentre, a livello di personale, il noleggiatore piemontese ha messo in campo ben 15 persone tra operatori autogrù, operatori carrelli SPMT, autisti e tecnici. L’intervento è stato studiato, progettato e interamente gestito da Autovictor e dal proprio personale tecnico.

Guarda il video.

Scopri tutti i dettagli leggendo gli articoli completi:

Sollevare On Site Access Macchine Cantieri Macchine Edili Macchine Edili Quarry
Autovictor per la movimentazione di una elipiattaforma da 570 t
Il lavoro ha visto la demolizione dell’elipiattaforma posizionata al di sopra del palazzo direzionale della società Uteco a Sommacampagna, in provincia di Verona.
Un’operazione resa necessaria dopo che le verifiche sul palazzo avevano evidenziato una carenza antisismica causata proprio dall’elipiattaforma, che rendeva solidali i quattro vani scala dell’edificio. L’incarico è stato affidato a Demco Demolizioni Controllate, che si è dovuta occupare della rimozione della piattaforma, della sua posa a terra, della demolizione del manufatto a terra e del suo smaltimento. Interpellata da Demco Demolizioni Controllate, Autovictor si è trovata in prima battuta di fronte alla richiesta di sollevare e posizionare a terra vari pezzi dell’elipiattaforma derivanti dalla sua demolizione effettuata in cima al palazzo direzionale.

La demolizione in quota è sempre piuttosto difficoltosa e dispendiosa. Inoltre le tempistiche di realizzazione sono generalmente più lunghe, cosa che comporta necessariamente disagi nella zona limitrofa al cantiere (in questo caso i piani sottostanti dell’edificio, ospitanti gli uffici Demco il cui personale avrebbe vissuto diverse settimane di disagi quali polvere, rumori, agibilità limitata, ecc). Una soluzione quindi che non piaceva molto ad Autovictor, che in effetti ha proposto un’alternativa rivelatasi vincente.
Dopo quasi un anno di verifiche e di intensa progettazione il team di Autovictor ha proposto la soluzione differente: rimuovere dal tetto la piattaforma nella sua interezza mediante un tiro eccezionale, posarla a terra e affidarla alle operazioni di demolizione a terra (meno dispendiose e più sicure e veloci). Pe l’operazione oltre alla competenza Autovictor, sono entrate in gioco alcune macchine della sua flotta, tra cui una Terex-Demag TC2800/1 da 600 t in configurazione SSL con 60 m di braccio principale, 300 t di zavorra sulla tavola e Superlift e una Manitowoc 16000 da 400 t che hanno svolto il lavoro principale.

Scopri tutti i dettagli del progetto leggendo gli articoli completi:

Access Macchine Cantieri Sollevare Macchine Edili On Site
Autovictor impegnata nel sollevamento di un ponte architettonico a San Donato
Autovictor per il il nuovo Centro Direzionale ENI di San Donato Milanese: l’azienda, punto di riferimento nel settore del sollevamento, ha offerto il proprio determinante contributo per il sollevamento e il posizionamento del ponte di collegamento tra l’Icon Tower e la Landmark Tower, che caratterizzano il nuovo Centro Direzionale ENI di San Donato Milanese. L’intervento è stato selezionato per definire gli standard del futuro protocollo Level S, un nuovo standard di sicurezza che verrà utilizzato a livello europeo

Quattro autogrù, 15 uomini (tra progettisti e operatori di cantiere), due mesi di studio tecnico, quasi tre settimane in cantiere. Questi i numeri più significativi di un intervento spettacolare, e tecnicamente molto complesso, che ha visto Autovictor interfacciarsi con piena soddisfazione con un committente di altissimo profilo, qual è Salini Impregilo. Un cantiere perfetto dal punto di vista tecnico, ma anche sotto il profilo economico e temporale.

Scopri tutti i dettagli del progetto leggendo gli articoli completi:

Access Macchine Cantieri Sollevare Macchine Edili On Site On Site
Dicono di Noi
Sottolineatura titolo
Autovictor impegnata nel sollevamento di un ponte architettonico a San Donato Autovictor impegnata nel sollevamento di un ponte architettonico a San Donato

Autovictor impegnata nel sollevamento di un ponte architettonico a San Donato

Quattro autogrù, 15 uomini, due mesi di studio tecnico, quasi tre settimane in cantiere. Questi i numeri più significativi di un intervento spettacolare realizzato da Autovictor.
DETTAGLI
Autovictor per la movimentazione di una elipiattaforma da 570 t Autovictor per la movimentazione di una elipiattaforma da 570 t

Autovictor per la movimentazione di una elipiattaforma da 570 t

L’esperienza di Autovictor impegnata nella movimentazione di una elipiattaforma posta a quasi 40 m d’altezza.
DETTAGLI
Progetto di movimentazione e sollevamento per il ripristino del ponte di Annone Brianza Progetto di movimentazione e sollevamento per il ripristino del ponte di Annone Brianza

Autovictor per il ripristino del ponte di Annone Brianza

Un altro pezzo di Italia risorge grazie agli uomini e alle macchine di Autovictor.
DETTAGLI
Competenza a noleggio da 50 anni Competenza a noleggio da 50 anni

Competenza a noleggio da 50 anni

Da sempre guidata dalla famiglia Gino, Autovictor vanta un parco mezzi all’avanguardia di 270 unità.

DETTAGLI
Genova ringrazia Autovictor Genova ringrazia Autovictor

Genova ringrazia Autovictor

Tra il 2 e il 3 febbraio, gli uomini e le macchine di Autovictor hanno effettuato il sollevamento del concio centrale del viadotto nord del Ponte Morandi
DETTAGLI
Autovictor partecipa a Breakbulk 2019 Autovictor partecipa a Breakbulk 2019

Autovictor nel cantiere del Ponte Morandi

Ecco alcuni link alla notizia pubblicata da diverse testate
DETTAGLI
Eolico senza confini per Autovictor Eolico senza confini per Autovictor

Eolico senza confini per Autovictor

Da 50 anni Autovictor è sinonimo di sollevamento, di tenacia e di precisione in ogni progetto.
DETTAGLI
Passione, Professionalità, Competenza Passione, Professionalità, Competenza

Passione, Professionalità, Competenza

L’aspetto più soddisfacente è sempre quello di sapere che anche questa volta hai superato la sfida.
DETTAGLI
Potenti autogrù protagoniste nel bresciano Potenti autogrù protagoniste nel bresciano

Autovictor protagonista nel bresciano

A seguito della recente acquisizione di Vezzoli Autogrù, è sempre più presente nei servizi di sollevamento e di trasporto speciale.
DETTAGLI
Intermedia
Top